Un caffè è un caffè e si pensa sia così per ciascuno di noi. Ma quanti sono i modi di berlo e quanti sono i rispettivi nomi che possono spiazzarci. Ecco, quindi un piccolo vademecum Manuel Caffè con cui districarsi per sapere sempre cosa stai ordinando.

 

 

AFFOGATO.  Espresso versato su un gelato alla vaniglia. Servito in tazza o in coppa a seconda delle occasioni.

AMERICANO. Espresso versato in acqua calda -80/85°C circa-, proveniente da un bollitore -150 ml-. Servito in una tazza da cappuccino.

CAFFE’ MOCHA. Espresso su salsa al cioccolato su cui viene versato il latte montato. A completamento “dell’opera”, panna montata e scaglie di cioccolato. Servito ai golosi.

CAPPUCCINO. Espresso e latte schiumato -150/240 ml circa-, spessore schiuma ½ cm. Servito in tazza da cappuccino. Rapporto consigliato: espresso1 – latte 3 – schiuma 2.

COLD BREW COFFEE. Bevanda ottenuta tramite l’estrazione a freddo del caffè che richiede tempi molto lunghi -almeno 12/20 ore-. Due i metodi di estrazione:

– caffè macinato in immersione filtrato una volta terminata l’estrazione;

– caffè macinato attraversato da gocce d’acqua con tempi e cadenze controllate. Il caffè in questo caso è già posizionato sopra un filtro.

Se correttamente estratto, il caffè infuso a freddo può avere corpo, dolcezza e caratteristiche sciroppose più consistenti rispetto al caffè infuso a caldo. In genere i rapporti caffè-acqua utilizzati per il cold brew sono compresi tra 1:15 e 1:4. La bevanda va conservata in un contenitore ermetico in frigo per 3-4gg, max 5-6gg. Assaggiarla sempre e comunque prima di servirla.

 

 

ESPRESSO. Metodo di estrazione/infusione del caffè. Ottenuto dalla percolazione di acqua calda ad elevata pressione attraverso un pannello di caffè tostato, macinato e compattato, in tempi e volumi/pesi calibrati. Parametri: dose singola caffè macinato 7/10g, resa singola in tazza 10,5/25g – 25-35ml, tempo di erogazione 20/30”.

ESPRESSO DOPPIO. Espresso + Espresso in tazza da cappuccino -50/60ml-.

ESPRESSO MACCHIATO. Espresso con un po’ di latte schiumato  -circa 30 ml-. Servito in una tazzina da espresso. Rapporto: espresso 1, latte 1, schiuma 0.5.

FLAT WHITE. Doppio espresso ristretto e latte schiumato -150/240ml- con una crema molto liquida e di uno spessore -0.5/1.5cm- molto più basso rispetto al cappuccino. Servito in una tazza da cappuccino e in alcuni casi leggermente più piccola. Rapporto: espresso 2, latte 3, schiuma 1.

FREAKSHAKE. Fondamentalmente tutto ciò che viene miscelato/misto/ mescolato e servito con vari condimenti che sono molto “instagrammabili“. I freakshake al caffè sono spesso preparati con caffè freddo.

ICED LATTE. Ghiaccio, espresso, latte freddo e aromatizzato o zuccherato. Una mescolata, ed è fatto.

IRISH COFFEE. Espresso caldo, zuccherato, corretto con Whiskey irlandese e con uno strato di panna sulla superficie. Servito preriscaldando il tipico bicchiere, aggiungendo whiskey, caffè zuccherato e per ultima la panna liquida che non deve mischiarsi ma formare uno strato ben definito.

LATTE MACCHIATO. Latte schiumato ed espresso in superficie per ottenere un “effetto a strati”. Servito in un bicchiere -150/360 ml-. Rapporto: Espresso 1 – Latte 4 – Schiuma 1

LUNGO. Espresso con acqua calda servita a parte -20ml-. L’acqua calda deve provenire da un bollitore esterno e non dalla macchina espresso. Temperatura dell’acqua consigliata 80-85 °C.

RISTRETTO. Espresso più “corto” del solito. Due le opzioni di preparazione

– come l’Espresso fatta eccezione per il tempo di estrazione, meno di 20 sec, ottenendo così un espresso sotto-estratto

– per ottenere una “estrazione bilanciata” -15/20ml, 10-15g-.

 

#coffeestyle #vademecum #coffeelover #manuelcaffeblog #manuelcaffe

Scrivi il tuo commento